Giornata della Memoria, spiegarlo ai bambini!

Giornata della Memoria, spiegarlo ai bambini!

“27. 01.2017” Giornata della memoria.

Ogni anno, a fine gennaio, il mondo si sveglia dal torpore di una triste realtà. Fa male ma abbiamo il dovere di  ricordare!

E’ giusto spiegare ai bambini cosa accadde? E’ giusto far conoscere quanto orrore umano c’è fuori le loro bellissime stanze colorate?

Me lo chiedo come mamma, come adulto…

L’istinto di preservazione al male,  ci fa edulcorare fatti orribili che non dovrebbero esistere nella mente di un bambino!

D’altro canto dobbiamo gettare semi di coscienza e umanità in quelli che rappresentano il nostro domani.

L’unica arma che abbiamo per non ripetere errori abominevoli è quello di fornire conoscenza, affinchè ciò che è stato non accada più!

Per cui troviamo il giusto modo per filtrare adeguatamente quanto di più brutto è successo dietro quei fili spinati.

Un aiuto per chi vuole approcciarsi all’argomento, lo possiamo trovare nel sito  “Il Paese dei Bambini che Sorridono” Dove è possibile leggere una parte dedicata alla Shoah con diverse testimonianze anche di chi è sopravvissuto.

Per chi vuole parlarne tramite un libro consigliamo invece:

CHE COS’E’ L’ANTISEMITISMO ( Lia Levi – adatto dai 9 anni)

Durante i suoi incontri con i ragazzi, Lia Levi si è sentita rivolgere tante domande sugli ebrei, l’ebraismo e l’antisemitismo. In questo libro ne ha scelte venti tra le più significative, a cui risponde con chiarezza e semplicità. Completano il volume la prefazione dello scomparso Elio Toaff, che è stato rabbino-capo emerito della Comunità Ebraica di Roma, e una dettagliata cronologia di Luciano Tas sulla storia degli ebrei.”

NON dimentichiamo!  Oggi e mai:  71 anni dall’apertura dei cancelli di Auschwitz. 

Fissiamo in mente  che nel campo di Auschwitz furono deportati più di un milione di ebrei (esattamente, tra 1,1 e 1,3 milioni) e di questi 960.000 rimasero uccisi.

Il giorno della memoria è il 27 gennaio, ma ogni giorno, mese, ora serve per ricordare quanti hanno perso la vita! 

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *